Home
>
Info
>
Whistleblowing

Whistleblowing

La normativa in materia di Whistleblowing è volta a proteggere quei soggetti che segnalano violazioni di disposizioni legislative nazionali o comunitarie di cui sono venuti a conoscenza e riconducibili ad una determinata Amministrazione. A questo scopo, il D. Lgs. 24/2023 pone a carico dei datori di lavoro determinati obblighi per garantire l’efficacia della protezione accordata ai lavoratori e ai soggetti terzi.

Chi è il soggetto incaricato di gestire le segnalazioni?
Il D. Lgs 24/2023, all’articolo 4, comma 5, prevede che i soggetti del settore pubblico cui è fatto obbligo di prevedere la figura del Responsabile della Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza (RPCT) affidano a quest'ultimo la gestione del canale di segnalazione interna. A tal riguardo si ricorda che in base alla Delibera ANAC 430/2016: “tenuto conto dell’articolazione periferica del sistema scolastico e dei rapporti che intercorrono tra le istituzioni scolastiche e l’Amministrazione ministeriale, si ritiene di individuare il RPC nel Direttore dell’Ufficio scolastico regionale, o per le regioni in cui è previsto, nel coordinatore regionale. Considerato l’ambito territoriale particolarmente esteso, al fine di agevolare il RPC, i dirigenti di ambito territoriale operano quali referenti del RPC”. Pertanto, in ambito scolastico, la gestione del canale di segnalazione interna è affidata al RPCT ossia l’USR di riferimento.

Cosa succede se scrivo direttamente alla scuola?
Il D. Lgs. 24/2023, all’articolo 4, comma 6, prevede che, se la segnalazione interna è presentata ad un soggetto diverso dal RPCT (ossia ad esempio la scuola), quest’ultima è trasmessa, entro sette giorni dal suo ricevimento, al soggetto competente, dando contestuale notizia della trasmissione alla persona segnalante. Per questo motivo, pur ricordando l’obbligo di segnalazione direttamente al RPCT individuato nell’USR di riferimento, qualora il segnalante scrivesse al presente Istituto Scolastico, quest’ultimo avrà premura di trasmettere la segnalazione nei tempi e modi previsti per legge al soggetto competente.

Cosa si può segnalare?
Comportamenti, atti od omissioni che ledono l’interesse pubblico o l’integrità dell’Amministrazione e che consistono in:

- illeciti amministrativi, contabili, civili o penali;
- illeciti che rientrano nell’ambito di applicazione degli atti dell’Unione europea o nazionali relativi ai seguenti settori: appalti pubblici; servizi, prodotti e mercati finanziari e prevenzione del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo; sicurezza e conformità dei prodotti; sicurezza dei trasporti; tutela dell’ambiente; radioprotezione e sicurezza nucleare; sicurezza degli alimenti e dei mangimi e salute e benessere degli animali; salute pubblica; protezione dei consumatori; tutela della vita privata e protezione dei dati personali e sicurezza delle reti e dei sistemi informativi;
- atti od omissioni che ledono gli interessi finanziari dell’Unione;
- atti od omissioni riguardanti il mercato interno;
- atti o comportamenti che vanificano l’oggetto o la finalità delle disposizioni di cui agli atti dell’Unione.

Quali sono i canali di segnalazione?
Sono stati predisposti diversi canali di segnalazione ai quai accedere seguendo le regole che riportiamo più sotto.

- interno (presso l’Ufficio Scolastico Regionale di riferimento)
- esterno (ANAC)
- divulgazione pubblica
- denuncia all’Autorità giudiziaria

Come scegliere il canale di segnalazione?
In via prioritaria, i segnalanti sono incoraggiati a utilizzare il canale interno e, solo al ricorrere di certe condizioni, possono effettuare una segnalazione esterna o una divulgazione pubblica.

1. I segnalanti possono utilizzare il canale esterno segnalando quindi ad ANAC quando:
   - non è prevista l’attivazione obbligatoria del canale di segnalazione interna ovvero questo, anche se obbligatorio, non è attivo o, anche se attivato, non è conforme a quanto richiesto dalla legge
   - la persona segnalante ha già effettuato una segnalazione interna e la stessa non ha avuto seguito
   - la persona segnalante ha fondati motivi di ritenere che, se effettuasse una segnalazione interna, alla stessa non sarebbe dato efficace seguito ovvero che la stessa segnalazione potrebbe determinare un rischio di ritorsione
   - la persona segnalante ha fondato motivo di ritenere che la violazione possa costituire un pericolo imminente o palese per il pubblico interesse

2. I segnalanti possono effettuare direttamente una divulgazione pubblica quando:
   - la persona segnalante ha previamente effettuato una segnalazione interna ed esterna ovvero ha effettuato direttamente una segnalazione esterna e non è stato dato riscontro entro i termini stabiliti in merito alle misure previste o adottate per dare seguito alle segnalazioni;
   - la persona segnalante ha fondato motivo di ritenere che la violazione possa costituire un pericolo imminente o palese per il pubblico interesse;
   - la persona segnalante ha fondato motivo di ritenere che la segnalazione esterna possa comportare il rischio di ritorsioni o possa non avere efficace seguito in ragione delle specifiche circostanze del caso concreto, come quelle in cui possano essere occultate o distrutte prove oppure in cui vi sia fondato timore che chi ha ricevuto la segnalazione possa essere colluso con l'autore della violazione o coinvolto nella violazione stessa

Come viene protetta la riservatezza del segnalante?
- Il segnalante può decidere di non rimanere anonimo. In questo caso, l'identità del segnalante, non può essere rivelata a persone diverse da quelle competenti a ricevere o a dare seguito alle segnalazioni
- La protezione riguarda non solo il nominativo del segnalante ma anche tutti gli elementi della segnalazione dai quali si possa ricavare, anche indirettamente, l’identificazione del segnalante
- La segnalazione è sottratta all’accesso agli atti amministrativi e al diritto di accesso civico generalizzato
- La protezione della riservatezza è estesa all’identità delle persone coinvolte e delle persone menzionate nella segnalazione fino alla conclusione dei procedimenti avviati in ragione della segnalazione, nel rispetto delle medesime garanzie previste in favore della persona segnalante

Cosa si intende per ritorsione?
Qualsiasi comportamento, atto od omissione, anche solo tentato o minacciato, posto in essere in ragione della segnalazione, della denuncia all’autorità giudiziaria o contabile, o della divulgazione pubblica e che provoca o può provocare, alla persona segnalante o alla persona che ha sporto la denuncia, in via diretta o indiretta, un danno ingiusto, da intendersi come danno ingiustificato.

Alcuni esempi di comportamenti ritorsivi?
- il licenziamento, la sospensione o misure equivalenti
- la retrocessione di grado o la mancata promozione
- il mutamento di funzioni, il cambiamento del luogo di lavoro, la riduzione dello stipendio, la modifica dell'orario di lavoro
- la sospensione della formazione o qualsiasi restrizione dell'accesso alla stessa
- le note di merito negative o le referenze negative
- l'adozione di misure disciplinari o di altra sanzione, anche pecuniaria
- la coercizione, l'intimidazione, le molestie o l'ostracismo

A chi si estende la protezione?
La protezione si applica anche:
- al facilitatore (persona fisica che assiste il segnalante nel processo di segnalazione e operante all’interno del medesimo contesto lavorativo)
- alle persone del medesimo contesto lavorativo della persona segnalante, di colui che ha sporto una denuncia o di colui che ha effettuato una divulgazione pubblica e che sono legate ad essi da uno stabile legame affettivo o di parentela entro il quarto grado
- ai colleghi di lavoro della persona segnalante o della persona che ha sporto una denuncia o effettuato una divulgazione pubblica, che lavorano nel medesimo contesto lavorativo della stessa e che hanno con detta persona un rapporto abituale e corrente
- agli enti di proprietà della persona segnalante o per i quali le stesse persone lavorano nonché agli enti che operano nel medesimo contesto lavorativo delle predette persone.

Scuola
La storia
Dotazioni
I luoghi
Le persone
Personale docente
Personale non docente
Le carte della scuola
Modulistica
Regolamenti
I numeri della scuola
Programmi operativi nazionali 2014/2020
PNRR - Scuola futura
Organizzazione
Funzioni Strumentali e Referenti
Coordinatori di Classe
Gruppi Disciplinari
RSU
Organi Collegiali
Servizi
Presentazione
Famiglie e studenti
Accesso agli Atti
Assicurazione
Contributo volontario
Esame di Stato
Iscrizioni a.s. 2024/2025
Libri di testo
Mobilità internazionale
Modulistica
Orientamento Universitario
Sportello d'ascolto
Personale Scolastico
Percorsi di studio
Classi Prime
Classi Seconde
Classi Terze
Classi Quarte
Classi Quinte
Novità
Presentazione
Le Notizie
Le Circolari
Calendario eventi
Albo online
Didattica
Presentazione
Offerta Formativa
Liceo Scientifico di ordinamento
Opzione Cambridge IGCSE (D.I.P.I.C.)
Nuova opzione Matematico
Opzione Scienze e Tecnologie dei Materiali
Nuova opzione Chimico-Biologico
Opzione Storico Architettonico
Opzione Scienze Motorie
Inclusione e Bisogni Educativi Speciali
Piano Didattica Digitale Integrata
Percorsi trasversali per l'orientamento
Schede didattiche
Progetti delle classi
Info
Segreteria e URP
Codice Meccanografico
GDPR Regolamento UE 2016/679
Codice disciplinare
Sicurezza a Scuola
Open day
Mad
Anac
Note legali
Accessibilità
Whistleblowing
Cookie policy
Docenti e ATA
Circolari e Comunicazioni
Modulistica
Prove Invalsi
Archivio Notizie
Incontro 26 febbraio 2024 - Le 21 madri costituenti
Unica - Video di presentazione
Presentazione libro Prime
Beneficenza pro Unicef
Convegno Parlamentare, Watson!
Anniversario di Bruno Touschek
Evento Un giorno da matricola all`Università Tor Vergata
Mostra relativa alle 21 Madri Costituenti
Premio Frascati poesia - A. Seccareccia 2023
Iscrizioni a.s. 2024/2025
Discorso pronunciato da Gino Cecchettin al termine delle esequie per la figlia Giulia, vittima di femminicidio.
OPEN DAY STM UNIVERSITA' TOR VERGATA
OPEN DAY ISCRIZIONI A.S. 2024/2025

Questo sito web utilizza i cookie

 
Utilizziamo i cookie per personalizzare per fornire funzionalità, per permettere l'interfacciamento con il sistema Synapsy e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni con la piattaforma Synapsy, che potrebbe combinarle con altre informazioni in suo possesso. Tutti i cookie usati sono comunque necessari per il funzionamento del sitoMostra i dettagli
Accetta i cookie
Dichiarazione per i cookie
Informazioni sui cookie
Necessari (4)
Preferenze (0)
Statistiche (0)
Marketing (0)
Nome (0)

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

Nome Fornitore Scopo Scadenza Tipo
PHPSESSID Preserva gli stati dell'utente nelle diverse pagine del sito
 
Dati inviati in: Italia
Sessione HTTP
idfismyworlds Identifica l'utente e consente l'autenticazione sul server
 
Dati inviati in: Italia
15 Giorni HTTP
idmyworlds Identifica il ruolo con cui sta operando l'utente
 
Dati inviati in: Italia
15 Giorni HTTP
cookieconsent Memorizza lo stato del consenso ai cookie dell'utente per il dominio corrente
 
Dati inviati in: Italia
Sessione HTTP

I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione in cui ti trovi


Non usiamo cookie di questo tipo.

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.


Non usiamo cookie di questo tipo.

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.


Non usiamo cookie di questo tipo.

I cookie non classificati sono i cookie che sono in fase di classificazione, insieme ai fornitori di cookie individuali.


Non usiamo cookie di questo tipo.

 
I cookie sono piccoli file di testo che possono essere utilizzati dai siti web per rendere più efficiente l'esperienza per l'utente.
 
La legge afferma che possiamo memorizzare i cookie sul suo dispositivo se sono strettamente necessari per il funzionamento di questo sito.
 
Questo sito utilizza esclusivamente questo tipo di cookie. Potrà trovare maggiori informazioni su come trattiamo i dati personali nella nostra informativa sulla privacy.
 
Il suo consenso si applica ai seguenti siti web: liceotouschek.edu.it, synapsy.it
Contrasto elevato

La possibilità di poter fruire del sito web in modalità di contrasto elevato viene erogata dal browser attraverso l'installazione di estensioni o plugin ad hoc.

Una volta installata tale estensione, la stessa potrà essere attivata con una combinazione di tasti specifica, che varia a seconda del plugin scelto e del browser utilizzato.

Di seguito si riportano i link alle guide riguardanti l'accessibilità per i browser più diffusi: